Campsirago Residenza 

formazione

Offriamo molteplici percorsi formativi: da workshop e corsi per professionisti a laboratori con le scuole di ogni ordine e grado. Ospitiamo e programmiamo corsi in residenza ed elaboriamo percorsi studiati con e per le scuole, biblioteche, istituzioni che intendono collaborare con noi.
Ecco, a titolo di esempio, alcune proposte laboratoriali da cui partire per la costruzione di un percorso comune.

alta formazione


Laboratorio residenziale di Teatro nel Paesaggio

22 - 24 marzo e 31 ottobre - 3 novembre
Campsirago Residenza, COLLE BRIANZA

Laboratorio Residenziale Teatro nel Paesaggio

Due seminari residenziali di Teatro nel paesaggio rivolti a professionisti e a tutti coloro che desiderano sperimentare questo tipo di pratica. I laboratori intensivi lavorano sulla ricerca e la creazione a partire dalla metodologia del training fisico, dalle pratiche di costruzione di puppet con elementi naturali e dall’uso dei tarocchi come strumento di rappresentazione allegorica e scoperta personale. Due weekend di ricerca e gioco teatrale immersi nella natura, durante i quali scopriamo che in un bosco c’è tutto quello di cui abbiamo bisogno per costruire uno spazio scenico, un’azione performativa e gli oggetti che la animano. I laboratori sono organizzati nell’ambito del neonato progetto internazionale The International Academy for Natural Arts, promosso da Campsirago Residenza insieme all’Università di Utrecht e alla residenza teatrale Donder Boer Kamp (NL).


Partendo dalla propria esperienza artistica, la compagnia Pleiadi propone a Campsirago Residenza un laboratorio residenziale di Teatro nel paesaggio che utilizza pratiche di allenamento all’ascolto, di percezione del proprio corpo nell’ambiente e di accrescimento della propria capacità di creazione a partire da un lavoro di improvvisazione in relazione con gli altri performer e con il paesaggio. In particolare il lavoro verte sull’ascoltare, sull’osservare, sull’agire in rapporto ai quattro elementi, con le piante, con gli animali e con il paesaggio, ricercando una collocazione del proprio fare teatrale in tale contesto extra-ordinario.

Le pratiche sono quelle derivanti dal Teatro delle Sorgenti, dallo yoga, dal training fisico individuale e di gruppo, dal Teatro Natura e dalla costruzione di maschere e puppets con elementi naturali. Centrale sarà quindi l’acquisizione della consapevolezza di come il corpo e la natura, insieme, possano essere fonte di conoscenza, memoria ed espressione, e possano sviluppare la creazione di esperienze poetiche basate sul linguaggio sensoriale e sulla creatività individuale.

Il laboratorio Paesaggio con performer si rivolge a tutti coloro desiderano sperimentare questo tipo di pratica e di linguaggio artistico, a chi sta studiando nel campo del Teatro, della Performance, della Danza e della Musica, a chi è disposto a mettersi in gioco anche nel silenzio e nell’ascolto, nell’interazione con spazi naturali e nella relazione con gli elementi della Natura.


FORMATORI:

  • Michele Losi, regista organizzatore, studioso di Teatro nel paesaggio (I)
  • David Zuazola, creatore di pupet e performer (Cile)
Michele Losi è direttore artistico di Campsirago Residenza e di Pleiadi Art Productions. È tra i fondatori ed è Presidente di ScarlattineProgetti, soggetto riconosciuto da MIBACT, Regione Lombardia e Fondazione Cariplo. Ha ideato e ha curato la direzione artistica del progetto internazionale Meeting the Odyssey e ha coordinato e condotto laboratori teatrali in Kosovo, Zimbawe, Serbia, Lampedusa, Leros e Lesvos (Grecia). Nell’ambito dell’organizzazione di Festival è stato direttore artistico di IKOS Festival (Brescia, 2007), di EON Meeting (Brescia, 2007), di Libri in Scena (Lecco 2008-2013) ed è direttore artistico de Il Giardino delle Esperidi Festival dal 2005. Dal 2010 ha selezionato gli spettacoli del Festival Luoghi Comuni, il festival delle Residenze Teatrali della Lombardia. È stato presidente e fondatore di ETRE, l’Associazione delle Residenze Teatrali della Lombardia, per la quale fino al 2015 ha occupato la carica di vicepresidente con delega sui progetti internazionali. Dal 2011 al 2015 è stato rappresentante italiano del Board IETM (International Network for Contemporary Performing Arts). A partire dal 2009 ha coordinato numerose tournée internazionali in collaborazione con altre compagnie teatrali tra cui Factory Compagnia Transadriatica, Principio Attivo Teatro, Dionisi Compagnia Teatrale, Sanpapié, Animanera, Aia Taumastica, Piccola Compagnia Dammacco, Riserva Canini. Sostiene il lavoro di giovani artisti italiani e internazionali, che coinvolge nelle produzioni e che aiuta nella definizione di strategie di produzione e circuitazione.
È stato regista di progetti site specific di Teatro nel paesaggio e di performing art, tra cui “Oltre il Muro” (2002), Scirocco ballata di viaggio (2004), In-boscati#1-#2-#3-#4 (2011--2014), Instant Berlin (2014), Sbarchi_un’Odissea (2015), Instant Leros (2016), Il Professore e la Sirena (2017), Performing Frida (2018) al MUDEC di Milano. Ha diretto spettacoli e performance site specific a Berlino, Helsinki, Montpellier, Bratislava ed in altre importanti città europee.
David Zuazola, nato a Santiago del Cile, è attore, drammaturgo, musicista e puppeteer. Dopo gli studi in comunicazione audiovisiva presso l’UNIACC (Santiago de Chile), si è spostato a Barcellona dove ha studiato teatro presso “La Casona”, approfondendo l’arte dei puppets, e dove è stato chiamato dalla Compagnia di Jordi Bertran come primo attore e musicista. Dopo anni di tournée, si è trasferito a Madrid per continuare i suoi studi teatrali presso la CUARTA PARED School, sviluppando un metodo di lavoro molto personale applicato agli spettacoli per puppets.
Attraverso un metodo basato sulla trasformazione di diversi materiali di riciclo, ha creato lo spettacolo “Dirty Wing”, con il quale è stato invitato come rappresentate di Spagna e Cile e in numerosi festival in tutto il mondo, e ha vinto numerosi premi di teatro di figura in Polonia, Macedonia e Montenegro.
In seguito a questo successo internazionale David si è spostato in Italia dove ha creato con Campsirago Residenza gli spettacoli “Cupido es una broma” e “Arianna e Teseo”.
Attualmente David è in tournée mondiale con lo spettacolo “The Game of Time”, sua ultima creazione, vincitore di importanti premi internazionali, tra cui il Best Expression with Puppets e il Best Teaching all’International Puppet Festival Warsaw (Polonia), il Premio per la Miglior regia, il Premio per la Miglior idea originale e il Premio Speciale della Critica al LUTFEST 19 di Sarajevo, il Premio per il Miglior Spettacolo Internazionale all’International Puppet Festival Bèkèscsaba (Ungheria), il Premio per il Miglior spettacolo di teatro e il Premio per il Miglior Lavoro Creativo all’International Theatre Festival Of Kotor (Montenegro), il Premio Speciale UNIMA Ucraine al Puppet Up Festival di Kiev e il Best Solist Performance al Belaya Vezha International Theatre Festival di Brest (Bielorussia).



EDIZIONI PRECEDENTI
30 Novembre 1 - 2 Dicembre | Campsirago Residenza, COLLE BRIANZA

INFO E DETTAGLI

COSTO: 250 € vitto e alloggio incluso presso la residenza teatrale di Campsirago.

INFO: 039 92 76 070 | info@campsirago residenza.it

Il laboratorio ha inizio alle 15.00 di venerdì 30 novembre e termina alle 18.00 di domenica 2 dicembre. Si consiglia di arrivare entro le 13.00 di venerdì 30 novembre.

ALLOGGIO: Palazzo Gambassi e appartamento Karibuni-Vecchia Quercia sono raggiungibili in macchina (Colle Brianza, frazione Campsirago, via San Bernardo 2) e sono dotati di 6 bagni, cucina, sala prove, 4 stanze da letto da 5 e 1 stanza da letto da 3, spazi all’aperto di lavoro.
Ai partecipanti è richiesto di portare: materali per scrivere, vestiti caldi e impermeabili per lavorare all’aperto, indumenti comodi per lavorare in sala.


MODALITA’ di PAGAMENTO
Si richiede un acconto di 100 euro al momento dell’iscrizione ed il saldo il giorno dell’arrivo in residenza, il giorno 30 novembre.
Laboratorio per un massimo di 20 partecipanti.


Asanisimasa

2 - 4 luglio 2019
condotto da Marco Ferro e Valeria Sacco

LAsanisimasa

Riserva Canini propone un percorso residenziale di approccio e di sperimentazione dei diversi linguaggi del Teatro di Figura Contemporaneo. Animare è mettere se stessi a disposizione di qualcosa che è fuori di sé. A partire da questo principio, attraverso il contatto diretto con le materie prime, gli oggetti, le ombre e le marionette (nelle loro molteplici tecniche e possibilità espressive) i partecipanti saranno accompagnati in un tempo di esplorazione, ascolto e racconto.


Asanisimasa è un workshop intensivo di approccio e sperimentazione delle tecniche del Teatro contemporaneo di animazione e figura. Il corso di alta formazione, concentrato in tre giorni intensivi, si propone ai partecipanti come veicolo di scoperta di alcune delle principali tecniche del teatro di figura e di animazione, per arricchire il loro bagaglio espressivo e fornire nuovi strumenti al servizio della loro creatività.

PREMESSA
L’universo del teatro di “animazione”, ossia quella forma di linguaggio teatrale che trasforma l’attore in “animatore”, mettendolo in relazione con l’elemento animato -che si tratti di materia, oggetto, puppet, feticcio, ombra- ha origini antichissime e in qualche modo coincide con la nascita del Teatro stesso, di cui è sempre stato strumento prezioso e fedele alleato. Nel corso del tempo ha trovato una sua specificità, dando origine a vari generi che a loro volta hanno sviluppato vere e proprie tradizioni (il teatro di burattini, il teatro delle marionette, il teatro d’ombre, il teatro d’oggetto etc.). Se da una parte ciò ha permesso a ciascuna tecnica di evolversi brillantemente, guadagnandosi una sua autonomia espressiva in ambito teatrale, dall’altra ha in qualche modo impedito -per un certo arco di tempo- che i vari linguaggi restassero in contatto tra loro, favorendo una frammentazione dei generi che ha trovato una comune destinazione nel “teatro ragazzi”, categoria a cui, soprattutto in Italia, sono spesso relegati. In tempi più recenti, tuttavia, l’attenzione verso questi linguaggi e la loro percezione ha cominciato a mutare e i linguaggi della figura e dell’animazione hanno ripreso a contaminarsi tra loro, scrollandosi di dosso molte delle etichette che gli erano state attribuite e tornando a fare ingresso nei processi creativi e produttivi di molti artisti e di varie compagnie. In poche parole questi linguaggi hanno ripreso contatto con la loro funzione originaria, ossia quella di essere uno strumento espressivo tout court della comunicazione teatrale, al pari della danza e del canto.


IL WORKSHOP
L’obiettivo del laboratorio è quello di cogliere la specificità di questi linguaggi, attraverso uno studio teorico e pratico, sperimentandone le potenzialità e il loro possibile impiego, in un’ottica che attinge alle regole maturate dalla tradizione -per acquisirne consapevolezza- ma finalizzata ad un uso contemporaneo.

Il percorso prevede tre giornate intensive di lavoro. Verranno presi in esame i seguenti linguaggi: La materia prima. Il teatro d'oggetto. Il teatro d'ombre. La marionetta portata. Per ciascuno di essi, ciascun partecipante si alternerà nel ruolo ora di animatore, così da sperimentare un rapporto diretto con l’animazione, ora di spettatore, al fine di sviluppare uno sguardo consapevole nei confronti del linguaggio affrontato. L’alternanza “dentro-fuori” è infatti condizione indispensabile per comprendere la cosiddetta “grammatica” del teatro di figura, che per sua stessa natura richiede all’animatore di essere contemporaneamente “attore” e “spettatore” nei confronti dell’oggetto animato, ed è bene che anche in qualità di autore venga maturata questa consapevolezza. Attraverso una serie di esercizi e di giochi il partecipante prenderà via via familiarità col linguaggio preso in esame e con le sue regole basilari.

Successivamente il lavoro sarà focalizzato sulla costruzione di una “petite forme” che ciascun partecipante, sia come singolo che in un lavoro di gruppo, sarà chiamato a elaborare, facendo tesoro dei nuovi strumenti acquisiti e mettendo in gioco la propria creatività. In questa ultima fase particolare attenzione verrà data alla “scrittura di scena”: gli allievi si cimenteranno su cosa significhi elaborare una scena originale, a partire dall’ideazione sino alla sua realizzazione, e in che cosa consiste “scrivere” per la figura e per l'animazione, sperimentando quel processo che prevede una verifica continua del materiale elaborato ed una necessaria ri-scrittura, fino alla realizzazione dell’allestimento.

Come supporto, per alcuni esercizi i formatori metteranno a disposizione alcuni materiali tecnici e artigianali, con cui i partecipanti saranno chiamati a confrontarsi, mettendo in campo una loro manualità. Per quanto concerne la parte teorica, verranno utilizzati video e filmati d’archivio per offrire un panorama più ampio possibile dei vari linguaggi affrontati e delle loro potenzialità.


Creating Transformative Encounters

19 - 27 settembre

Creating Transformative Encounters è un laboratorio teatrale che utilizza la metodologia denominata human specific, incentrata sull’interconnessione, sull’interattività tra i partecipanti e sulla capacità del performer di lavorare in spazi differenti, principalmente fuori dal palcoscenico del teatro classico. Il workshop intensivo, della durata di nove giorni, è rivolto ad artisti, creatori teatrali e professionisti del campo teatrale. Il corso, aperto a un massimo di dieci partecipanti, è tenuto in lingua inglese. A cura di Cantabile2 (DK).


formazione in residenza

La conduzione delle attività che realizziamo nelle nostre strutture è affidata agli artisti e ai professionisti di Campsirago Residenza e a esperti di discipline specifiche invitati ad hoc: ciò per consentire l’incontro con maestranze nazionali e internazionali, in continuità con l’impegno di fare della residenza un crocevia di esperienze artistiche e umane.

Learning week Learning week

Workshop intensivo di sei giorni rivolto agli studenti della scuola secondaria di secondo grado per “fare teatro”.

scheda laboratorio

Giornata speciale Giornata speciale

Nella cornice di Campsirago, tra boschi incontaminati e antichi sentieri, un’uscita didattica multidisciplinare tra teatro e natura rivolta agli studenti da 6 a 14 anni.

scheda laboratorio


formazione diffusa

Offriamo percorsi diversificati per contenuti, conduzione e destinatari. Ciò risponde a precisi obiettivi generali che precedono l’ideazione del singolo laboratorio e che riguardano la visione complessiva condivisa con l’ente con cui collaboriamo, in particolare nel territorio lecchese.

Laboratorio Leggere per gioco leggere per amore Leggere per gioco leggere per amore

Laboratorio di formazione alla lettura ad alta voce declinabile per i bambini, gli adolescenti e gli adulti.

scheda laboratorio

Pezzettino Pezzettino

Laboratorio teatrale per la scuola dell’infanzia ispirato all’omonimo libro di Leo Lionni.

scheda laboratorio


Emozioniamoci Emozioniamoci

Un percorso sul corpo, sulle emozioni nel corpo per le scuole dell’infanzia e per le scuole primarie.

scheda laboratorio

Contakids Contakids

Contakids: un gioco da fare insieme, genitori e bambini, attraverso il contatto fisico si migliorano le capacità motorie e si aumenta la fiducia reciproca.

scheda laboratorio


Eroi di oggi: istruzioni per l’uso Eroi di oggi: istruzioni per l’uso

Laboratorio teatrale per ragazzi (11- 16 anni) per la creazione del proprio eroe.

scheda laboratorio


FOCUS: attività di ricerca con e per la primissima infanzia.

Quando immaginiamo un nuovo spettacolo per bambini, la nostra fonte di ispirazione artistica è un’attenta fase di ricerca in asili nido e scuole, infatti è proprio a partire dalla rielaborazione di suggestioni dei bambini che nascono gli spettacoli. Questa fase permette a noi di collezionare suggestioni, immagini, suoni ed emozioni, ai bambini di partecipare a un processo artistico in un processo che trasforma il gioco euristico in materia estetica.


collaborazioni

Formazione in collaborazione con Alber Blu teatro

Per la proposta di laboratori e corsi rivolti soprattutto al teatro ragazzi (ai bambini e ai giovani) collaboriamo con Albero blu, Associazione Culturale Teatrale con sede a Lecco che, attraverso un lavoro pedagogico continuo, è impegnata nella diffusione della cultura teatrale. Albero blu elabora proposte per progetti e iniziative culturali con biblioteche, istituzioni e istituti scolastici.

Per conoscere tutta l’offerta formativa di Albero Blu Teatro www.alberobluteatro.it.

Scarica il programma dei CORSI 2015/16