Campsirago Residenza 

produzioni

MILOEMAYA

PRIMISSIMA INFANZIA da 0 A 36 Mesi
DURATA 35 MINUTI (+Tempo dell’esplorazione)
SPETTACOLO MULTISENSORIALE
DEBUTTO 2015
  • PROMO VIDEO
  • MILOEMAYA
  • MILOEMAYA
  • MILOEMAYA
  • MILOEMAYA
  • MILOEMAYA
  • MILOEMAYA

coproduzione AsLiCo e ScarlattineTeatro_Campsirago Residenza | di Michele Losi | musica Federica Falasconi | regia Anna Fascendini | consulenza per il canto Miriam Gotti | con Anna Fascendini e Francesca Cecala | foto Arianna Maiocchi

I primi passi dei neonati verso il mondo dell’opera, uno spettacolo di teatro sensoriale con musica, voce, immagini, ed esperienze tattili.

Un percorso che coinvolge i bambini da 0 a 36 mesi in una scoperta multisensoriale.
L’osservazione iniziale porta l’attenzione sui suoni nel loro stato originario, sulla parola come significante e coinvolge lo sguardo: lo spazio scenico, a pianta centrale, è organizzato in modo da avere un rapporto quasi personale non solo tra attore e spettatore ma anche tra spettatore e spettatore, in un gioco di simmetria che coinvolge tutti i partecipanti seduti attorno al tavolo che domina la scena. Ed è attorno a quel tavolo che i bambini iniziano l’esplorazione di utensili, stoviglie; una ricerca che si trasforma anche in un evento comunitario grazie al continuo confronto tra io e l’altro. Accanto a me, di fronte a me.

Note di Regia
“Un lungo tavolo bianco.
Forchette, coltelli, cucchiai e cucchiaini. Piatti grandi, piccoli, lisci, tondi. Tazze e bicchieri.
E il cibo non c’è? Forse qualche chicco arriverà.
Due bizzarri personaggi aspettano l’inizio di un pranzo da re inventandosi un nuovo modo di apparecchiare. Tutto diventa musica canto gioco.
I piccolissimi sanno ascoltare. Infilare, spostare, accumulare, portare, tirare, infilare, aprire, contare, pestare, correre, provare, chiudere, imitare, trasportare, ordinare, dividere, riempire, sollevare, nascondere, impilare, sbattere, suonare,coprire, correre, pestare, nominare, cantare, tagliare, assaggiare, rovesciare,sussurrare.
Sono loro lo spettacolo!”

Anna Fascendini