Campsirago Residenza 

progetti

Qualcosa in Comune
Laboratorio di teatro in comunità per il Festival Teatri di Pietra, Montecrestese (VB)

Il festival Teatri di Pietra è profondamente legato al paesaggio in cui nasce e cresce.
È lo sguardo degli spettatori sulle montagne, lungo i sentieri, sulle case di pietra di Montecrestese con tutte le sue frazioni.
Crediamo che la comunità che abita questi stessi luoghi debba essere protagonista del festival stesso, sia come spettatrice di eventi straordinari ma anche come anima dell’evento.
Per questo abbiamo pensato ad un progetto che voglia, attraverso il teatro, coinvolgere il più possibile gli abitanti, a livello intergenerazionale.

QUalcosa in Comune

Declinazione dell’evento

QUALCOSA IN COMUNE si propone di lavorare per arrivare ad un evento site- specific da presentare all’interno del festival Teatri di Pietra. Comprende l’allestimento artistico di un sentiero per il pubblico e uno spettacolo da replicare una volta nella giornata del festival prevista per domenica 16 settembre 2018.
L’allestimento artistico avverrà sul sentiero che dalla chiesa di Montecrestese scende alla frazione di Croppomarcio e resterà a disposizione del pubblico per tutta la giornata del festival mentre l’evento spettacolare accadrà sul sentiero che da Croppomarcio sale alla frazione di Ghesc per una replica mattutina. Seguiranno altri spettacoli inclusi nella programmazione del festival così come ci sarà spazio per momenti conviviali all’aperto.

QUALCOSA IN COMUNE verrà ideato e costruito attraverso il lavoro laboratoriale con I bambini del Centro Ricreativo estivo di Montecrestese, gli anziani, le bande e i cori di Montecrestese, i lettori volontari del gruppo Nati Per Leggere, gli adulti e gli adolescenti che frequentano il corso di teatro condotto da Fera Teatro e chiunque possa essere interessato e voglia essere coinvolto.

Il lavoro sarà condotto e coordinato da Anna Fascendini di Scarlattineteatro, Francesca Cecala, Paola Giavina di Fera Teatro e Sara Tadina.
Il tema su cui si indagherà è quello ampio della magia del bosco, degli esseri fantastici che lo popolano, delle leggende e di antiche tradizioni.


YAT
Yurta alla Tana

YAT Yurta alla Tana

La Yurta alla Tana è uno spazio per la scoperta e l’apprendimento che faciliti l’incontro di bambini di tutti gli orizzonti, di età diverse, di scuole differenti; un mélange così ricco da permettere la creazione di legami d’amicizia e di dare valore alla diversità.
Nella Yurta alla Tana si è liberi di giocare, fare teatro, suonare, cantare, ballare, fare del giardinaggio, disegnare, manipolare, costruire, leggere… o di far niente in un ambiente piacevole e protetto, nel rispetto degli altri e della natura.

YAT Partono i corsi di teatro

Corsi di teatro
adulti, adolescenti e bambini

YAT propone un’occasione per mettere in gioco l’attrice e l’attore che sta dentro ciascuno di noi.
Scopriremo il gioco del corpo nel movimento, la relazione con gli altri, le possibilità della voce. Lavoreremo per arrivare alla messa in scena di uno spettacolo da presentare al pubblico (quello vero!) Aperto a tutti!

Da metà ottobre iniziano i laboratori di teatro. Martedi dalle 17,00 alle 18,15 per i bambini e dalle 21,00 alle 23,00 per gli adulti; mercoledì dalle 17,30 alle 19,30 per i ragazzi.



Cos’è la Yurta?

La yurta è una dimora itinerante tradizionalmente usata dai nomadi nelle steppe dell'Asia centrale ed è oggi il nostro teatro pret-à-porter: una tenda capace di accogliere un centinaio di spettatori, completamente attrezzata per un teatro da vivere in qualsiasi luogo, in qualsiasi momento, da chiunque. Un'opportunità per lasciare un segno, come dice la stessa parola yurta che, nell’etimologia turca, indica l’impronta che lascia la tenda nel momento in cui viene spostata.
Un luogo ideale per ospitare oltre che gli spettacoli anche seminari di teatro, laboratori creativi, attività come lo yoga, la meditazione, il canto.
La nostra Yurta ha viaggiato molto: è stata luogo di spettacolo al festival Fringe di Edimburgo con il progetto Yurtakids, ha allietato i Natali sul lago di Varenna, ospitato tutti i bambini dell’istituto comprensivo di Olgiate Molgora per una rassegna scolastica annuale, visto il cielo di Bari al festival Maggio all’Infanzia così come quello di Vimercate per il Vimercate Ragazzi Festival. Quando non è in viaggio la nostra Yurta vive a Campsirago, montata a fianco della nostra residenza teatrale.

Cos’è la Tana?

La Tana è un’ antica casa della Brianza immersa in un grande parco che ospita una giovane esperienza di co-housing dove si condivide non solo il quotidiano ma anche una progettualità creativa. La Tana ha un orto, un pollaio, un laboratorio di liuteria, una barca e un camper.



ScarlattineTeatro, Campsirago Residenza monta la Yurta alla Tana, su di un palco tondo di legno e sotto l’ombra di alti alberi. Vogliamo dare uno spazio e maggior continuità ad un progetto di formazione sul territorio che già da anni portiamo avanti con cura, senza però avere mai avuto un luogo riconoscibile ed espressamente dedicato. Propone alcune attività che hanno come obiettivo principale quello di lavorare sulla comunità locale principalmente attraverso il teatro ma non solo. Verranno proposti corsi di teatro per adulti, adolescenti e bambini, corsi di Yoga, laboratori creativi e un percorso di Contakids. Un’attenzione particolare verrà data al lavoro intergenerazionale e al lavoro all’aperto in relazione alla natura.


Meeting The Odyssey
An Adventure beyond Arts, Myths and Everyday Life in Europe

Diminuire i pregiudizi e creare una narrazione comune che scaturisca dai racconti di chi abita l’Europa oggi, all’interno della cornice della leggenda di Odisseo. È questa la sfida che stiamo vivendo con Meeting the Odyssey un progetto artistico e sociale itinerante partito dal Mar Baltico nel 2014 che si chiuderà nei mari della Grecia nell’estate 2016, passando nel Mar Mediterraneo nel 2015.

È la nostra idea di Europa che condividiamo con 14 partner europei, una prospettiva da alimentare e costruire attraversando confini e incontrando chi, l’Europa, la vive ogni giorno.

Lo facciamo navigando ogni estate a bordo del veliero Hoppet, portando pièce teatrali e workshop in tutta Europa.

Meeting the Odyssey, di cui ScarlattineTeatro cura la direzione artistica complessiva oltre alla realizzazione di workshop e performance, è uno dei quattro grandi progetti teatrali co-finanziati dall’Unione Europea vincitori nel 2013, nell’ambito di Cultura UE 2007/13, sulla linea Multi-annual Cooperation Project

Meeting the Odyssey in sintesi e in numeri
  • 1 veliero (Hoppet)
  • 4 produzioni con collaborazioni artistiche internazionali
    (create dai partner di progetto, in tour con il veliero Hoppet nei mesi estivi del 2014, 2015 e 2016)
  • 14 azioni locali Instants
    (almeno 14 Instants, ovvero spettacoli site-spefic nati dalle storie raccolte durante i workshop)
  • 11 Paesi
  • 14 partner
  • 100 artisti e organizzatori culturali
  • 4 grandi tour dal 2014 al 2016 che toccheranno più di 20 porti
  • 100 repliche
  • migliaia di miglia nautiche
  • almeno 20.000 spettatori
  • 400 partecipanti ai workshop
    (più di 14 workshop aperti agli abitanti locali coinvolgeranno almeno 400 persone durante l’intero tour)
  • 400.000 persone coinvolte dal progetto
    (fisicamente e virtualmente)

Yurtakids!

La yurta è una dimora itinerante tradizionalmente usata dai nomadi nelle steppe dell'Asia centrale ed è oggi il nostro teatro pret-à-porter: Una tenda capace di accogliere un centinaio di spettatori, completamente attrezzata per un teatro da vivere in qualsiasi luogo, in qualsiasi momento, da chiunque. Un'opportunità per lasciare un segno, come dice la stessa parola yurta che, nell’etimologia turca, indica l’impronta che lascia la tenda nel momento in cui viene spostata.

Solitamente ospita i nostri spettacoli, ma spesso diventa un teatro anche per altre compagnie.


In occasione di festival ed eventi, è possibile anche affittare la yurta. Per maggiori informazioni: info@campsiragoresidenza.it

Yurtakids!

Cantiere Campsirago

Attivo dal 2010 Cantiere Campsirago è il bando che abbiamo istituito per favorire dialogo, ricerca e produzione e supportare compagnie esterne meritevoli sul piano artistico. Le compagnie selezionate nel 2013, che saranno ospiti e impegnate in Residenza fino al 2016, sono: