Meeting the Odyssey: diario di viaggio / LEROS 

notizie

torna alla lista

Meeting the Odyssey: diario di viaggio / LEROS

Giovedì 09/06
img news
Leros, 9 giugno 2016

Siamo a Leros da alcuni giorni e cerchiamo di capire cosa fare di questa nostra Odissea contemporanea.
Leros è un isola del dodecaneso greco, a poche miglia dalla costa della Turchia.
L'anno passato i 7000 abitanti dell'isola hanno ospitato oltre 7000 profughi siriani, afghani e iracheni.
Per dare un'idea delle proporzioni, è come se in Italia arrivassero improvvisamente 60 milioni di profughi. 

Qui siamo ai confini dell'Europa, di un'Europa che si dimentica dei propri avamposti e non vuol sentir parlare di profughi e rifugiati. Coerentemente, lascia che siano volontari, ONG e fondazioni private ad occuparsi e a prendersi cura di adulti e bambini. 
Attualmente sull'isola ci sono circa 700 richiedenti asilo, quindi la situazione è relativamente sotto controllo.
I campi di accoglienza e l'hotspot rimangono comunque dei luoghi off limits.
Al loro interno tanti bambini, alcuni con le loro famiglie, altri da soli.
Molte donne, tanti uomini senza più un ruolo con lo sguardo perduto nel vuoto e i bambini, sempre vivissimi,  alla ricerca di qualcosa da fare.

Arrivati sull'isola, la prima cosa che abbiamo voluto fare è stato mettere a disposizione il nostro sapere di teatro, musica, animazione e arte. Una disponibilità artistica ma prima di tutto umana. 
Abbiamo cominciato a lavorare nel campo profughi di Picka, cinque-sei ore di animazione al giorno. 
Altrettanto fondamentale è stato iniziare a  lavorare con i bambini greci della locale scuola primaria; aprire un dialogo con le realtà locali, con i luoghi di riferimento della comunità come la scuola ma anche con il gruppo di danza locale e il gruppo di teatro dell'isola: composto da 65 non professionisti pieni di volontà e talento, questi amators impegnano le loro serate a preparare spettacoli da presentare ai loro concittadini e nelle isole vicine. Quest'anno stanno preparando Le Troiane di Euripide.

Inoltre il gruppo di danze tradizionali (su ogni isola c'è una danza diversa, e danzare definisce l'identità di ogni isola) collabora con noi ed verrà nel campo di Picka per insegnare a noi Instant Team ed ai giovani ragazzi e bambini dalla Siria, Iraq e Afganistan come ballare il Lerico (danza di Leros).

Domenica 12 giugno tutti insieme, Meeting The Odyssey team, i bambini della scuola primaria di Leros, gli attori ed i danzatori dei locali gruppi amatoriali, i bambini dei campi, danzeremo il Lerotico ed improvviseremo una Instant Performance di fronte alla nostra barca Hoppet

Speriamo sia una domenica di festa. Un possibile ponte tra mondi differenti. Un possibile ragionamento per l'Europa e una prova che unire è possibile. 

Michele Losi e Mariasofia Alleva







Meeting the Odyssey è un progetto artistico e sociale itinerante che parte dal Mar Baltico per arrivare nel Mar Mediterraneo. Ogni estate dal 2014 al 2016, artisti e organizzatori di diversi Paesi europei navigano insieme a bordo del veliero Hoppet mettendo in scena pièce teatrali, azioni sul territorio chiamate instant performance, convegni e workshop in tutta Europa.
Il progetto intreccia elementi dell’Odissea, tematiche europee attuali e storie raccolte attraverso lo scambio con le popolazioni locali. Dopo il tour nel mar Baltico (2014) e nel mar Mediterraneo con una tappa speciale in Lombardia (2015), dal 5 giugno al 25 luglio 2016 il progetto approda in Grecia.