compagnie  |  Riserva Canini  |  Il mio compleanno
adulti
/teatro d’attore
/proiezione d’ombre e sonorizzazione live
60 minuti
DEBUTTO
2018

Il mio compleanno è un viaggio. Un intenso dialogo interiore tra mondo onirico e mondo reale, un invito ad “abbandonarsi alle vorticose correnti” della mente. Un giovane trentenne ricostruisce a ritroso gli attimi appena passati: Dove si trova? Chi è seduto di fronte a lui? Deve sforzarsi di ricordare, deve chiudere gli occhi, deve attendere. Attendere e prepararsi. In un crescendo di tensione emotiva, il protagonista osserva la realtà dall’esterno, come da una bolla che ondeggia nell’aria. Il frastuono assordante del mondo lo stordisce. Ascolta i discorsi degli altri su di sé e un senso di spaesamento sempre più forte lo pervade. Vorrebbe essere altrove. La sensazione del protagonista di sentirsi estraneo, solo, in un mondo che non comprende e non comunica con il proprio stato interiore diventa allora universale. Parole, suoni, musica, luci, immagini convergono insieme a creare un’esperienza ipnotica, in cui le percezioni di estraniamento e di allucinazione del protagonista diventano specchio in cui riflettersi.

Il racconto parte dall’esperienza autobiografica di una particolare forma di emicrania che si manifesta attraverso una distorsione del campo visivo e percettivo – “emicrania con aura”. Lo spettacolo è un cammino tra il sogno e la coscienza lucida, in una “confusione dilagante di corpo e di sensi” in cui, alla fine, il desiderio ansioso di fuggire si trasforma lentamente nella consapevolezza che invece “entrarci dentro è l’unico modo per uscirne”. Penetrare le proprie angosce, accoglierle e comprenderle diventa la sola via per vincerle. Attraverso un profondo viaggio nei meandri delle proprie paure, la performance indaga i desideri, i tormenti e le fragilità dell’epoca che stiamo vivendo.

La performance coniuga il linguaggio dell’immagine animata attraverso il teatro d’ombre e la proiezione di sagome e acetati, con la sonorizzazione in versione live. In scena un attore, un performer del suono e un grande schermo su cui vengono proiettate immagini in ombra, che scorrono, a volte nitide, a volte deformate attraverso l’uso di lenti, sabbia, acqua e inchiostri: come in una graphic novel in bianco e nero, Marco Ferro, autore della drammaturgia e delle tavole, trasforma in sagome animate a vista i personaggi da lui stesso interpretati. I suoni sono potenti, amplificano il battito del cuore, le sensazioni psicofisiche alterate, il caos vertiginoso del mondo fuori di sé, il martellare incessante dei propri pensieri. Attraverso l’impiego di particolarissimi effetti sonori dal vivo, il tappeto sonoro di Stefano De Ponti, che accompagna l’intera performance, è parte integrante della drammaturgia.

Il mio compleanno si ispira al saggio “Migraine” di Oliver Sacks, dedicato alla particolare forma di emicrania con aura.

immaginato e creato da Marco Ferro con la complicità di Valeria Sacco, architettura sonora e rumoristica dal vivo a cura di Stefano De Ponti, con Marco Ferro e Stefano De Ponti, produzione Riserva Canini, Campsirago Residenza, con il sostegno di Festival Teatro tra le Generazioni (Empoli), Festival Impertinente (Parma), AstiTeatro-Spazio Kor (Asti), Straligut (Siena), ALDES/SPAM Rete per le arti contemporanee (Porcari), Compagnia Phoebe Zeitgeist
  • Previous ProjectIl professore e la sirena

  • Next ProjectTalita kum