formazione  |  alta formazione |  Laboratori residenziali di Teatro nel paesaggio
condotti da
Pleiadi
22 – 24/03/2019

Partendo dalla propria esperienza artistica, la compagnia Pleiadi propone nel 2019, a Campsirago Residenza, due laboratori residenziali di Teatro nel paesaggio che utilizzano pratiche di allenamento all’ascolto, di percezione del proprio corpo nell’ambiente e di accrescimento della propria capacità di creazione a partire da un lavoro di improvvisazione in relazione con gli altri performer e con il paesaggio.

Due seminari residenziali di Teatro nel paesaggio rivolti a professionisti e a tutti coloro che desiderano sperimentare questo tipo di pratica; due weekend intensivi di ricerca e gioco teatrale immersi nella natura, durante i quali scopriamo che in un bosco c’è tutto quello di cui abbiamo bisogno per costruire uno spazio scenico, un’azione performativa e gli oggetti che la animano.

I laboratori sono organizzati nell’ambito del neonato progetto internazionale The International Academy for Natural Arts, promosso da Campsirago Residenza insieme all’Università di Utrecht e alla residenza teatrale Donder Boer Kamp (NL).

Le pratiche sono quelle derivanti dal Teatro delle Sorgenti, dallo yoga, dal training fisico individuale e di gruppo, dal Teatro Natura e dalla costruzione di maschere e puppets con elementi naturali. Centrale sarà quindi l’acquisizione della consapevolezza di come il corpo e la natura, insieme, possano essere fonte di conoscenza, memoria ed espressione, e possano sviluppare la creazione di esperienze poetiche basate sul linguaggio sensoriale e sulla creatività individuale. In particolare il lavoro verte sull’ascoltare, sull’osservare, sull’agire in rapporto ai quattro elementi, con le piante, con gli animali e con il paesaggio, ricercando una collocazione del proprio fare teatrale in tale contesto extra-ordinario.

I laboratori
 si rivolgono a tutti coloro desiderano sperimentare questo tipo
di pratica e di linguaggio artistico, a chi sta studiando nel campo del Teatro, della Performance, della Danza e della Musica, a chi è disposto a mettersi in gioco anche nel silenzio e nell’ascolto, nell’interazione con spazi naturali e nella relazione con gli elementi della Natura.

Alberi maestri

Laboratorio di Teatro nel paesaggio

Gli alberi maestri e l’intelligenza del mondo vegetale sono il tema del laboratorio di Teatro nel paesaggio, delle passeggiate teatrali e dei riti arborei che vivremo nei giorni di inizio primavera, tra il 22 ed il 24 marzo. Il cuore tematico del lavoro sarà l’analisi della vita e delle caratteristiche di alcune specie di alberi presenti alle nostre latitudini, la loro relazione con le tradizioni popolari e i rituali ad essi connessi, gli studi scientifici sul movimento e sulla comunicazione delle piante che, in particolare negli ultimi anni, ci hanno mostrato la complessa intelligenza del mondo arboricolo, la sua capacità di analizzare e risolvere situazioni complesse, di agire in rete, di affrontare insieme difficoltà, aggressioni, problemi.

Tra le domande che ci porremo nell’affrontare il laboratorio: qual’è il punto di vista degli alberi? dove si colloca la differenza tra il camminare e l’essere radicati? qual’è l’importanza delle diverse parti della pianta, ed in particolare della corteccia, delle radici, della chioma, dei rami e del fusto? quali sono i principali rituali collegati all’equinozio di primavera, alla festa di San Giovanni (inizio estate), all’equinozio d’autunno ed all’antica festività del Sole Invictus (inizio inverno)?

Il centro del lavoro del laboratorio Alberi Maestri saranno gli opposti del camminare e dell’essere radicati. Nelle nostre esplorazioni tra gli alberi, cercheremo e incontreremo platani, betulle, frassini e faggi.

Lavoreremo sulle differenti forme del camminare nel paesaggio, con una forte attenzione allo sguardo e alla percezione dell’ambiente che ci circonda. Lavoreremo sul radicarci, sulla gemmazione e sulle foglie, sulla relazione fisica ed energetica con le piante, sulla raccolta di materiale naturale e personale attraverso safari esplorativi di raccolta e veglie notturne dl fuoco durante la notte.

Il percorso proseguirà con un’osservazione e un ascolto profondo del paesaggio e della natura. Attraverso poi la lettura di testi poetici e saggi, meditazione attiva, training vocale e di danza e la costruzione di puppets con elementi naturali, si giungerà a esplorare un luogo specifico con un sguardo nuovo e differenti suggestioni sensoriali. Andremo alla ricerca del genius loci e alla scoperta di luoghi reali e immaginari, in un lavoro di condivisione fra i partecipanti e i performer, per giungere, infine, all’ideazione e alla creazione di un processo artistico.

Silvia Girardi, in particolare, propone un percorso di esplorazione sensoriale di ancoramento attraverso il rilascio muscolare, l’analisi di peso e spinta. Partendo dalla consapevolezza di Hara/Tanden come origine dell’impulso creativo – dalla stasi al moto – analizzeremo il movimento a spirale, il giro, la camminata. Aumentando la percezione dell’albero vertebrale e del suo sviluppo nello spazio con il respiro e lo sguardo, mentre ci radichiamo, espandiamo il corpo fisico ed energetico. Lavoriamo sull’immagine dell’albero per trasporre in fisicità la sua essenza e creare una mini-composizione “solo” generata da materiale originale.

da venerdì 22 a domenica 24 marzo
Campsirago Residenza,
Colle Brianza
costo: 150 €
vitto e alloggio incluso
presso la residenza teatrale di Campsirago
massimo 20 partecipanti

venerdì 22
12,30 accoglienza
13,00 pranzo
14.30 fondamenti teorici del lavoro.
15,00 walking e prima esplorazione del bosco: tecniche di camminata dal Teatro delle Sorgenti di Jarzy Grotowski
17,00 radicamento: esplorazione fisica e sensoriale
20,00 cena e raccolta per la preparazione del fuoco
22,00 veglia del fuoco e scrittura

sabato 23
09,00 colazione
10,00 dal radicarsi al camminare: esplorazione fisica e sensoriale
13,30 pranzo
15,00 esplorazione, raccolta, composizione
20,00 cena e raccolta per la preparazione del fuoco
22,00 veglia del fuoco e scrittura

domenica 24
09,00 colazione
10,00 composizione nello spazio
13,00 pranzo
15,00 restituzione
17,00 tè e saluti

Formatori

Michele Losi, regista, direttore artistico di Campsirago Residenza, Il Giardino delle Esperidi Festival e di Pleiadi. Ha ideato e ha curato la direzione artistica del progetto internazionale Meeting the Odyssey e ha coordinato e condotto laboratori teatrali in Kosovo, Zimbawe, Serbia, Lampedusa, Leros e Lesvos (Grecia). È stato presidente e fondatore di ETRE, l’Associazione delle Residenze Teatrali della Lombardia, per la quale fino al 2015 ha occupato la carica di vicepresidente con delega sui progetti internazionali. Dal 2011 al 2015 è stato rappresentante italiano del Board IETM (International Network for Contemporary Performing Arts). È stato regista di progetti site specific di Teatro nel paesaggio e di performing art, tra cui “Oltre il Muro” (2002), Scirocco ballata di viaggio (2004), In-boscati#1-#2-#3-#4 (2011–2014), Instant Berlin (2014), Sbarchi_un’Odissea (2015), Instant Leros (2016), Il Professore e la Sirena (2017), Performing Frida (2018) al MUDEC di Milano. Ha diretto spettacoli e performance site specific a Berlino, Helsinki, Montpellier, Bratislava ed in altre importanti città europee.

David Zuazola, è attore, drammaturgo, musicista e puppeteer. Dopo gli studi in comunicazione audiovisiva presso l’UNIACC (Santiago de Chile), si è spostato a Barcellona dove ha studiato teatro presso “La Casona”, approfondendo l’arte dei puppets, e dove è stato chiamato dalla Compagnia di Jordi Bertran come primo attore e musicista. Dopo anni di tournée, si è trasferito a Madrid per continuare i suoi studi teatrali presso la CUARTA PARED School, sviluppando un metodo di lavoro molto personale applicato agli spettacoli per puppets.
Attraverso un metodo basato sulla trasformazione di diversi materiali di riciclo, ha creato lo spettacolo “Dirty Wing”, con il quale è stato invitato come rappresentate di Spagna e Cile e in numerosi festival in tutto il mondo, e ha vinto numerosi premi di teatro di figura in Polonia, Macedonia e Montenegro.
In seguito a questo successo internazionale David si è spostato in Italia dove ha creato con Campsirago Residenza gli spettacoli “Cupido es una broma” e “Arianna e Teseo”.
Attualmente David è in tournée mondiale con lo spettacolo “The Game of Time”, sua ultima creazione, vincitore di importanti premi internazionali, tra cui il Best Expression with Puppets e il Best Teaching all’International Puppet Festival Warsaw (Polonia), il Premio per la Miglior regia, il Premio per la Miglior idea originale e il Premio Speciale della Critica al LUTFEST 19 di Sarajevo, il Premio per il Miglior Spettacolo Internazionale all’International Puppet Festival Bèkèscsaba (Ungheria), il Premio per il Miglior spettacolo di teatro e il Premio per il Miglior Lavoro Creativo all’International Theatre Festival Of Kotor (Montenegro), il Premio Speciale UNIMA Ucraine al Puppet Up Festival di Kiev e il Best Solist Performance al Belaya Vezha International Theatre Festival di Brest (Bielorussia).

Silvia Girardi è performer e regista diplomata al Corso Attori alla Scuola Paolo Grassi.Opera come artista teatrale indipendente presso diverse realtà di teatro, danza e arti visive negli Stati Uniti e in Italia. Collabora con artisti multidisciplinari nella produzione di performance teatrali originali con un interesse particolare alla fusione dei linguaggi artistici, alla composizione scenica e fisica dell’attore, all’integrazione della tecnologia come linguaggio scenico. Dal 2000 al 2012 vive a San Francisco, dove si occupa di progetti artistici come attrice, regista e educatrice collaborando con teatri, scuole e fondazioni. Dal 2002 al 2006 è direttrice artistica di Third Stage Theatre. Nel 2006 costituisce SGArt, un progetto di promozione e diffusione dell’arte contemporanea italiana negli Stati Uniti organizzando mostre con gallerie d’arte internazionali. Dal 2013 vive a Milano, dove è docente di training e devised theatre alla Scuola Paolo Grassi. E’ insegnante Yoga certificata Yoga Alliance e nel 2014 fonda Casa Yoga Milano un luogo d’incontro per la diffusione dello Yoga e la pratica teatrale.

Edizione precedente: “Paesaggio con performer” 30 novembre 1 – 2 dicembre 2018

  • Next ProjectAsanisimasa