About

Campsirago Residenza è centro nazionale di ricerca e produzione delle arti performativa nel paesaggio e per l’infanzia. Dal 2008 la nostra casa è il quattrocentesco Palazzo Gambassi dell’antico borgo di Campsirago, immerso nel bosco del Monte di Brianza, in provincia di Lecco, che oggi viene restaurato nella sua interezza per realizzare una nuova residenza con nuovi spazi per progetti teatrali e di performing art, per seminari di formazione e spettacolo dal vivo tutto l’anno.

Il legame con la natura è sempre stato elemento imprescindibile del nostro lavoro artistico ed è il cuore de Il Giardino delle Esperidi Festival che giunge quest’anno alla sua XVIII edizione. Fare teatro a Campsirago, fin dal suo principio 18 anni fa, ha significato mettersi in forte relazione con una terra, una natura, un pubblico e una storia unici. Produrre in un antico palazzo, con due palchi all’aperto che si affacciamo su un bosco e su antichi sentieri romanici, in un borgo abitato da 37 abitanti che diventano 300 durante i festival e gli eventi dal vivo, ha segnato profondamente la nostra idea di teatro e arte.

La nostra ricerca, da sempre plasmata nella relazione con la natura e attenta a una messa in scena non convenzionale, alla contaminazione con danza, musica e poesia e, negli ultimi anni, anche all’uso del digitale nelle sue varie forme, si è fatta nel tempo sempre più radicalmente diretta alla sperimentazione di linguaggi nuovi, in grado di restituire al teatro quella necessità etica e trasformativa che è storicamente il suo centro gravitazionale.

Teniamo percorsi di formazione rivolti a professionisti e alle scuole e operiamo promuovendo le arti performative in forte dialogo con il nostro territorio. Progettiamo in una dimensione glocale, creando sinergie tra i soggetti e le istanze locali e i network nazionali e internazionali di artisti che si occupano di politiche culturali, residenze creative e produzioni teatrali. Proprio in ambito internazionale sono nate alcune delle progettualità più importanti tra cui IETM pre-meeting 2015 e, nel 2016, Meeting the Odyssey project con altri 23 partner europei. Siamo promotori di progetti di ricerca internazionali, tra cui il progetto europeo RADIUS, di cui siamo capofila, nell’ambito di Creative Europe 2021-2027.

Questi ultimi due anni sono stati per noi di grande trasformazione e crescita. Insieme al Comune di Colle Brianza abbiamo stipulato un accordo di Partenariato Speciale Pubblico Privato (il secondo della Lombardia e fra i primi 15 in Italia) che ci vedrà lavorare insieme per i prossimi 25 anni alla realizzazione del progetto Campsirago Luogo d’Arte, con l’obbiettivo condiviso di valorizzare e riqualificare il borgo di Campsirago in luogo dedicato all’arte e al teatro a 360 gradi. Con il restauro completo di Palazzo Gambassi dall’autunno 2022 ci avviamo a inaugurare una programmazione continuativa di spettacolo dal vivo, seminari, laboratori, residenze artistiche, progetti culturali e teatrali.

Accanto a questo grande progetto, stiamo dando vita a Campsirago e Otranto, alla Casa della poesia in natura, in partenariato con Principio Attivo Teatro e la casa editrice AnimaMundi: un progetto nazionale di ricerca, formazione, promozione, sperimentazione del linguaggio poetico nella sua relazione con la natura e il territorio.

La nostra residenza è composta da artisti, attori, registi, sound designer, drammaturghi, formatori, tecnici e dallo staff che si occupa dell’organizzazione, amministrazione, distribuzione, comunicazione e ospitalità.

Campsirago Residenza è riconosciuta dal Ministero della cultura come Impresa di produzione di teatro di innovazione nell’ambito della sperimentazione ed è convenzionata triennalmente con Regione Lombardia.

Una residenza nel paesaggio

La residenza è immersa nella natura e ha sede a Palazzo Gambassi, struttura del XV secolo nella frazione Campsirago del Comune di Colle Brianza, in provincia di Lecco. Il palazzo ha oggi una foresteria con 20 posti letto, una cucina con sala da pranzo, una sala prove, due palchi all’aperto, di cui uno nella corte interna, un laboratorio, gli uffici, un magazzino tecnico e 3.450 mq di terreno con alberi da frutto e un orto comunitario.

Campsirago è un antico borgo rurale a 670 metri di altezza sulla dorsale del Monte San Genesio (attore del 300 d.c., divenuto per la chiesa protettore del teatro), abitato da 37 persone e circondato dai boschi di gelso e castagno. Il legame con la natura rappresenta un elemento imprescindibile della ricerca artistica in residenza ed è il cuore del festival delle Esperidi e di spettacoli di Teatro nel paesaggio prodotti dalla residenza.

La residenza ha inoltre una yurta in legno e cotone, dimora itinerante tradizionalmente usata dai nomadi nelle steppe dell’Asia centrale. Quella di Campsirago è la prima yurta-teatro costruita in Italia ed è a oggi una delle più grandi esistenti: con i suoi dieci metri di diametro può accogliere fino a 99 spettatori.

La disponibilità di tali spazi e la speciale ubicazione della sede consentono alla residenza di garantire una dimensione extraquotidiana fondamentale alla creazione artistica. I due suggestivi palchi sospesi sulla vallata, illuminata dalle stelle e dalla miriade di luci notturne della grande metropoli milanese, rendono unici gli spettacoli che qui vengono rappresentati.

La nostra storia

Campsirago è stato nei secoli un importante centro agricolo, purtroppo abbandonato dai suoi abitanti negli anni ‘50. Riscoperto dal movimento hippy prima e recuperato poi dalla Cooperativa Nuova Agricoltura è diventato sede di un’importante occupazione agricola che lo ha preservato e difeso da un progetto di speculazione edilizia. Nel 1990 un gruppo di artisti fondano Campsirago teatro e realizzano un festival teatrale che, in dieci anni, ha visto arrivare a Campsirago artisti, musicisti, teatranti da tutta Italia.

Dopo l’ultima edizione nel 2001 di Campsirago teatro, nel 2005 ScarlattineTeatro, raccogliendo questa importante eredità, decide di rimettere il borgo al centro di un nuovo festival teatrale, le Esperidi. L’intento del Festival è di riportare l’attenzione sulla relazione tra teatro, paesaggio e spettatore, e il borgo, ancora in parte diroccato, diventa il centro geografico di questa operazione.

Nel corso degli anni successivi si è consolidata la collaborazione tra la compagnia, il Comune di Colle Brianza e i suoi abitanti e da questo importante dialogo, insieme al prezioso sostegno di Fondazione Cariplo, nel 2008 è nata la Residenza teatrale. Nel 2009 è stato ristrutturato Palazzo Gambassi, che è diventato sede di Campsirago Residenza. A partire dal 2010, oltre a ScarlattineTeatro, la residenza ha cominciato a ospitare artisti e compagnie da tutta Europa, a produrre spettacoli e a fare rete con le altre residenze regionali e nazionali. Nel 2012 e nel 2014 sono stati pubblicati due bandi Cantiere Campsirago per la selezione di sette compagnie nazionali che hanno ricevuto un sostegno produttivo e tecnico. A partire da queste esperienze le compagnie stabili di Campsirago Residenza sono diventate quattro: a ScarlattineTeatro si sono aggiunte Riserva Canini, Stradevarie e Pleiadi. Nel 2013 Campsirago Residenza è stata riconosciuta dal MIBACT come compagnia di produzione. Tra il 2013 e il 2016 Campsirago è stata protagonista di due grandi progetti internazionali: Meeting the Odyssey project e IETM pre-meeting 2015.

Opere

Le nostre produzioni hanno come cuore la ricerca nell’ambito del teatro nel paesaggio e della performing art, esplorando i linguaggi del contemporaneo e la relazione tra artista, spettatore e paesaggio in una dinamica di contaminazione e multidisciplinarietà, di indagine della relazione fra arte e natura e, negli ultimi anni, anche di sperimentazione dell’uso delle tecnologie digitali proprie del teatro immersivo. Le nostre produzioni, dal teatro itinerante per le nuove generazioni alle performance immersive nel paesaggio, sono profonde esperienze che chiamano in gioco lo spettatore in prima persona, nella relazione poetica e inedita con l’ambiente.

Accanto alle produzioni site-specific e agli spettacoli immersivi in natura, fin dalle origini con la compagnia ScarlattineTeatro, portiamo avanti uno specifico un lavoro di ricerca sul teatro per le nuove generazioni e in particolare per la primissima infanzia, convinti della grande importanza di avvicinare anche i più piccoli all’arte. I nostri spettacoli nascono sempre da una ricerca con i bambini, attraverso laboratori e incontri nei nidi e nelle scuole dell’infanzia. A partire dall’indagine del processo artistico che trasforma il gioco euristico in materia estetica e dalla ricerca sui materiali detti “originari”, sul suono nel suo stato primario e sulla relazione tra bambini e genitori nel gioco scenico, produciamo spettacoli in cui i più piccoli sono accompagnati nell’esplorazione e nella scoperta.

 

Attività di rete e progetti internazionali

Per Campsirago Residenza l’attività di networking è fondamentale poiché crede nell’importanza del confronto tra esperienze e nel lavoro in rete con altre residenze, compagnie, festival e operatori. Campsirago Residenza fa parte dei 165 promotori di C.Re.S.Co. Coordinamento della Realtà della Scena Contemporanea ed è socia di Associazione Etre, network delle residenze teatrali e multidisciplinari lombarde, di cui è fondatrice; di Assitej Italia, Associazione Nazionale del Teatro per l’Infanzia e la Gioventù; di A.N.C.R.I.T. Associazione Nazionale delle Compagnie e delle Residenze d’Innovazione Teatrale; è una dei 90 soci della rete nazionale Lo Stato dei Luoghi, per la promozione della rigenerazione urbana e territoriale a base culturale nel Paese. A livello internazionale la residenza è membro di IETM – International network for contemporary performing arts. Alcuni tra i progetti più significativi della residenza sono nati grazie alla partecipazione a questi network che, attraverso incontri, istanze comuni, scambi di idee, unione delle competenze, sono un costante punto di rifermento della sua azione culturale.

Campsirago Residenza è fondatrice di The International Academy for Natural Arts (TIAFNA), associazione internazionale che mette in rete quattro esperienze di ricerca e residenza sulle arti performative in natura. L’associazione è nata nel 2021 e coinvolge: Campsirago Residenza, D.DNA e la residenza di Doondree Camp, nel nord del Olanda, con il suo regista Sjoerd Wagenaar; Ukhia Artist Residency, nella prefettura di Fukuoka in Giappone, e la sua curatrice Ryoko Baba; il centro di residenza e produzione Le Polou nella regione francese di Orleans e la registra e performer italo-francese Floriane Facchini. L’intento di TIAFNA è promuovere la formazione e la ricerca nell’ambito delle arti performative e nel paesaggio, con l’organizzazione di campus e seminari dedicati a studenti delle accademie e dei conservatori, ad artisti e artigiani del settore delle arti performative.

Festival

Dal 2005 organizziamo Il Giardino delle Esperidi Festival, che giunge quest’anno alla sua diciottesima edizione. Un festival diffuso e itinerante che si nutre di paesaggio, che parte da una terra, dai suoi alberi, dalle sue valli, dai borghi e dai boschi del San Genesio, per diventare luogo universale d’incontro. Le Esperidi portano in scena opere e spettacoli che spaziano dal teatro di ricerca e contemporaneo alle performance multidisciplinari e site-specific, dalla musica alla danza e alla poesia. Gli spettacoli delle Esperidi vanno in scena su oltre dieci palcoscenici allestiti in location di grande pregio architettonico e paesaggistico, che ogni anno si rinnovano. I luoghi del festival, che si svolge tra giugno e luglio, sono i suggestivi paesaggi naturali, i boschi, i prati, le antiche cascine, le corti e le ville del Monte di Brianza. Ogni opera viene riadattata o creata appositamente per i contesti naturali e paesaggistici nei quali viene rappresentata, diventando così un evento unico e irripetibile. Nell’arco di diciassette edizioni il festival ha avuto oltre quarantamila spettatori, ha coinvolto dieci comuni, ha messo in scena oltre trecento repliche, di cui settanta prime nazionali, e ha portato in Italia quaranta compagnie internazionali.

Insieme a delleAli Teatro, ArteVOX Teatro e Teatro Invito, curiamo anche la direzione artistica e organizzativa del Vimercate dei Ragazzi. Festival di teatro per le nuove generazioni, che giunge quest’anno alla sua sesta edizione.

A partire dall’autunno 2022 inauguriamo una rassegna teatrale per 24 weekend all’anno a Campsirago.

Formazione

La formazione è la seconda anima di Campsirago Residenza ed è una delle sue attività principali. La residenza offre percorsi formativi diversificati per adulti e bambini presso Palazzo Gambassi, la yurta, accademie, scuole e biblioteche. Da vent’anni si approccia al complesso ambito della formazione proponendo percorsi multidisciplinari attraverso le arti e il teatro, come strumento inclusivo, relazionale, di scoperta di sé e delle proprie capacità artistiche e di condivisione di un’esperienza. Campsirago organizza corsi di teatro annuali, attività di formazione nelle scuole e asili a partire dalla primissima infanzia, laboratori intensivi di avvicinamento al teatro per adolescenti, nei quali il centro del lavoro di gruppo è la relazione tra teatro e paesaggio, seminari di alta formazione dedicati a professionisti, laboratori di lettura ad alta voce per adulti e bambini e ospita ogni anno workshop in collaborazione con istituzioni internazionali.

Residenze artistiche

Uno dei pilastri della nostra attività è l’ospitalità di residenze artistiche, intese come incubatori di pensiero, studio, ricerca e sperimentazione. Uno spazio aperto e protetto per un tempo lungo, in cui confrontarsi e sperimentare nuove linee progettuali nella contaminazione tra diverse discipline.

Grazie alla disponibilità dei nuovi spazi di Palazzo Gambassi, a partire dall’autunno 2022 ripartiranno le residenze artistiche aperte a compagnie nazionali e internazionali, registi, drammaturghi, attori, danzatori, performer, land artist e tutte quelle figure che operano nel campo del teatro e della performing art. Con la realizzazione di una sala prove al chiuso, di una stanza aggiuntiva ad uso foresteria, della cucina, di una sala registrazione, dei palchi all’aperto, si vuole mettere a disposizione uno spazio di grande valore che garantisca una dimensione extraquotidiana fondamentale alla creazione artistica.

Nel corso di diciassette anni di storia ha costruito un forte legame con i suoi spettatori anche grazie all’incontro con gli artisti ospitati che, presentando il proprio lavoro a partire dalla forma di studio e mostrando nell’attività laboratoriale il loro personale processo creativo, si sono costantemente confrontati con un pubblico non solo fruitore ma interlocutore attivo.

Campsirago Luogo d'Arte

I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Soggetto finanziato dal Ministero della cultura
Ente convenzionato Regione Lombardia
Soggetto finanziato da Fondazione Cariplo nell’ambito del Bando Luoghi d’Innovazione Culturale 2019 e del Bando LETS GO!
Soggetto in Partenariato Speciale con il Comune di Colle Brianza

con il finanziamento dei comuni di Vimercate, Colle Brianza, Galbiate, Ello, Olgiate Molgora, Olginate, Milano

Con il sostegno di
Soggetto a rilevanza regionale
Con il contributo di
In partenariato con

© 2019 Campsirago Residenza.