XIV Edizione
21 giugno – 8 luglio
2018

Si è conclusa domenica 8 luglio 2018 la XIV edizione de Il Giardino delle Esperidi Festival che, per tre lunghe settimane, ha portato 22 spettacoli di teatro, musica, poesia, danza, nei meravigliosi luoghi del Monte di Brianza. Un percorso itinerante, che ci ha portati a vivere e riscoprire attraverso uno sguardo nuovo, quello dell’Arte, boschi, campi, antiche cascine e ville. Il Festival ha respirato nel Paesaggio, si è nutrito della sua natura, del suo cielo stellato, della sua Bellezza. Un festival che, ancora più fortemente, continua a ricercare e creare il dialogo tra arte, natura, luoghi, performer e pubblico. .

Proprio nella relazione con il paesaggio, ogni spettacolo è stato un evento unico, che è vissuto nell’istante del presente: il fruscio del vento tra gli alberi, le sfumature del cielo al tramonto, i suoni della natura, la luce che trasforma i colori, hanno nutrito e trasformato ogni rappresentazione, rendendola irripetibile.

Quella del 2018 è stata un’edizione speciale: hanno debuttato alle Esperidi cinque spettacoli in prima nazionale, abbiamo ospitato sei perfomance di compagnie internazionali e abbiamo aperto il festival con un convegno nazionale su arti performative e paesaggio. La partecipazione del pubblico, raddoppiato rispetto allo anno passato, è stata grandissima. Con voi ci siamo spostati a piedi da un luogo all’altro, abbiamo passato intere giornate insieme, abbiamo assistito a spettacoli stupendi, abbiamo ballato nella magica corte di Campsirago; con voi ci siamo stupiti ed emozionati in ogni momento.

Ha aperto il festival il convegno dal titolo “Campsirago Residenza e il Teatro nel paesaggio. Case histories e prospettive per il futuro.”, un incontro di studio e confronto con importanti artisti e ricercatori provenienti da tutta Italia e dal Nord Europa.

Spettacolo di punta di quest’anno del Teatro nel paesaggio di Campsirago Residenza è stato Arianna e Teseo (produzione Pleiadi), performance itinerante immersa nella natura, nata dalle suggestioni dei boschi e delle montagne intorno a Figina. Il tema del labirinto, metafora della complessità del mondo ma anche specchio dell’anima, ha accompagnato pubblico e performer, in un emozionante viaggio attraverso il mito di Dedalo, Icaro, Arianna, Teseo e il Minotauro.

Hanno debuttato in prima assoluta The game of time di David Zuazola e Marbleland della Compagnia Stradevarie, un monologo sferzante che racconta la devastazione causata dalle cave di marmo delle montagne di Carrara, definita “il disastro ambientale più grande d’Europa”.

Il teatrodanza ha avuto un particolare rilievo con la prima nazionale degli spettacoli My Odissey della compagnia danese Asterions Hus e Let’s Dance della compagnia ceca Verte Dance. è stato anche presentato in anteprima il nuovo spettacolo TRIEB_L’indagine della danzatrice Chiara Ameglio, prodotto da Fattori Vittadini e Campsirago Residenza.
Anche quest’anno un’attenzione particolare è rivolta al teatro per l’infanzia, con tre spettacoli per bambini e ragazzi sui temi della natura, dell’universo e del mistero della vita: Io non scenderò più della Compagnia Stradevarie Dall’Altra parte di ScarlattineTeatro e Little bang della compagnia Riserva Canini.

Anche quest’anno sono stati proposti anche tre laboratori di introduzione alle pratiche di Teatro nel paesaggio. Infine, come per le passate edizioni, a chiudere le serate del festival è stata la musica con tre concerti di grande originalità e un dj set a cura della musicista milanese Micol Martinez. Sui palchi delle Esperidi si sono esibiti il gruppo londinese Oh! Gunquit, composto da cinque musicisti di diverse nazionalità e la band americana The Ghost Wolves. Ultimo evento del festivalè stato il concerto di Vale & the Varlet.

Ringraziamo gli oltre 50 artisti che si sono esibiti, tutto lo staff, i volontari che ci hanno aiutato, gli sponsor che ci hanno sostenuto, i Comuni di Colle Brianza, Ello, Galbiate e Olgiate Molgora nei quali siamo stati ospitati, i media partner che ci hanno accompagnati in questa meravigliosa avventura. E, naturalmente, ringraziamo in modo speciale le tantissime persone del pubblico che sono state con noi in questi tre weekend di festival. Tutti insieme, abbiamo reso possibile questa straordinaria avventura.

Il Giardino delle Esperidi Festival, la cui direzione artistica è curata da Michele Losi, è un progetto di Campsirago Residenza con il sostegno di MIBACT, Regione Lombardia, Fondazione Cariplo, Comuni di Colle Brianza, Ello, Galbiate, Olgiate Molgora. Ha il riconoscimento di Europe For Festivals e il patrocinio della Provincia di Lecco. Main sponsor 2018 Acel Service, sponsor Fassa Bortolo. Il festival è stato realizzato in collaborazione con Associazione ETRE. Media partner dell’edizione 2018 Radio Popolare, La Provincia di Lecco, Krapp’s Last Post, Stratagemmi Prospettive Teatrali e Altre Velocità.

Spettacoli

Il mio compleanno Riserva Canini
La grande foresta Compagnia INTI
Viajo solo Pleiadi
Uno su sei mila Teatro della Caduta
E io non scenderò più Compagnia Stradevarie
In capo al mondo. In viaggio con Walter Bonatti Teatro Invito
Concerto, La Tresca
Prima nazionale The game of time David Zuazola
Prima nazionale Arianna e Teseo Pleiadi
L’uomo che pesò il mondo Nuove Cosmogonie Teatro
Concerto, Oh! Gunquit!
Prima nazionale Marbleland Compagnia Stradevarie
Folliar Astorri Tintinelli Teatro
Dall’altra parte ScarlattineTeatro
Laribiancos cada die teatro
Anteprima Trieb_L’indagine Fattori Vittadini
Prima nazionale My Odissey Asterions Hus
Concerto, The Ghost wolves
Little bang Riserva Canini
Prima nazionale Let’s dance Verte Dance
Concerto, Vale & The Varlet

Rassegna stampa
03/08/2018 Altrevelocità
  • Previous ProjectIn Grigna! Festival #2019